Cerca English (United States)  Italiano (Italia) Deutsch (Deutschland)  Español (España) Čeština (Česká Republika)
giovedì 23 novembre 2017 ..:: Raduni » 20° Raduno Toscana, Marzo 2006 ::..   Login
 20° Raduno Toscana, 17-18-19 Marzo 2006

Anno nuovo vita nuova? L’S2kClub ha ripreso con le solite vecchie ma buone abitudini e ancor prima dell’inizio della primavera si è dato il via al primo raduno dell’anno, il ventesimo della storia del Club. La meta prescelta, ancora una volta la Toscana, splendida regione ricca di panorami mozzafiato, arte, buona cucina ma soprattutto ricca di belle strade, il menù preferito da noi e dalle nostre splendide auto.

Ritrovo fissato per il venerdì sera all’ Antica Limonaia, l’agriturismo prescelto per il fine-settimana. Già durante l’avvicinamento si sentono salire le pulsazioni, ormai come in preda ad una forma di condizionamento riemergono le emozioni vissute nel corso dei precedenti raduni. E così già la vista di un bel numero di S2000 nel parcheggio dell’hotel smuove energie che sembravano nascoste. E poi ci sono gli altri gioielli: Bmw M3, Lancer EvoXIII, Subaru Impreza Sti, Audi RS e udite, udite una NSX rossa alla sua prima uscita ufficiale; a ricordarci che “le auto passano ma gli amici restano”.

La gioia prorompe man mano che si incontrano gli amici, vecchi e nuovi. Sul volto dei partecipanti “seriali” si vede non solo il piacere di rivedersi ma anche un sorriso abbozzato, di quelli che lasciano presagire tanto divertimento. Tra i nuovi partecipanti invece si legge un punto di domanda, forse sul perché di quell’atmosfera surriscaldata, che sia l’effetto di sostanze illecite? Non ci vorrà molto per capire che non ci sono di mezzo sostanze illecite ma l’astinenza da raduno”, però, quella sì!

Dopo la sistemazione nelle stanze ci si raccoglie nella Hall per un aperitivo e quattro chiacchiere sulle ultime novità e poi si parte per la cena. Basta uscire dal tratto sterrato che unisce l’hotel alla viabilità ordinaria per avere la prova che i lunghi e freddi mesi invernali non hanno intaccato il nostro smalto. Alla prima svolta a sinistra, via di traverso! Il sabato mattina gli equipaggi si svegliano sotto un cielo azzurro, qualcuno a sottratto ore al sonno per godersi le prove di F1 e chi ha potuto, naturalmente, le ha sottratte per fare qualcosa di meglio. Dopo la colazione ci si prepara per la partenza. Il nostro “President” fa precedere il via da un briefing dai contenuti innovativi. Viene scorporata una categoria di auto che vengono classificate come “Auto Strane” e che seguiranno direttamente l’apripista Pier Paolo sulla sua RS4 mentre a seguire le “auto normali” con lo Zione in fondo a fare da “spazzino”.

Basta fare poca strada per tornare a calarsi nell’atmosfera rarefatta del Raduno. Per me, anche questa volta, non è facile raccontare da dove siamo passati e cosa abbiamo visto semplicemente perché ero assorto nella guida. Ho percepito la bellezza di quei luoghi come sfondo ad un esperienza trascendente della quale ora ricordo solo alcune impressioni, come mi fossi svegliato da un sogno indescrivibile. L’ora di pranzo si avvicina rapidamente, tra “soste tecniche” e “belle tirate”. Ad un certo punto la RS4 rallenta e cede il passo, durante la pausa per il pranzo si scoprirà che qualcosa sotto il cofano è andato in crisi, si sono accese delle spie e il motore è andato in protezione. Niente di grave, il potente V8 bi-turbo da 380 Cv ha semplicemente alzato bandiera bianca per eccesso di sollecitazione. Non so cosa ne pensiate ma io provo un piacere sottile quando vedo un mezzo meccanico potente e prestazionale portato al suo limite e messo in crisi, è indice di superiorità dell’uomo sulla macchina, in questo caso del suo driver, che la saputa spremere a fondo.

Pranzo veloce e per molti leggero, non c’è tempo da perdere al tavolo e si riparte. Il pomeriggio, dopo l’obbligatoria foto di gruppo, prosegue tra le curve e i brevi rettilinei della campagna toscana. La musica è sempre la stessa, il gruppo delle “auto strane” davanti a tuonare e chi invece a voglia di prendersela con un po’ più di calma dietro a seguire. Nello stretto lento nel bel mezzo di un bosco le auto procedono in fila ad andatura “da raduno…”, perdo la cognizione del tempo, della distanza, della realtà. Mi sveglio non so quando né dove, scendo dall’auto, ci sono altre auto in fila a bordo strada, qualcuno si accende una sigaretta, qualcun’altro sorride divertito.

Nel frattempo lo sfortunato Gerardo si attarda per problemi al differenziale, ed il fortunato Francesco invece, dopo parecchi Km in riserva in mezzo al nulla senza trovare un distributore, ne raggiunge uno a motore ormai spento!
Mentre sulla via del ritorno la guida del gruppo passa nelle mani dello Zione, “pace-maker”velocissimo ed ineccepibile di un bellissimo tratto misto veloce, il nostro “President”, rimasto staccato dal gruppo per assistere il compagno in avaria di trasmissione, percorre qualche centinaio di Km in lungo e in largo tra Siena e Grosseto. Alessio, suo passeggero in quell’occasione, più tardi a cena, mentre mi racconta quell’esperienza, mi da la sensazione di star ad ascoltare il racconto di un marinaio dopo l’avvistamento di un gigante marino: ragazzi, siamo già alla leggenda!

La Domenica mattina inizia sotto la pioggia e questa rende meno doloroso il fatto di dover rientrare a casa. Dopo colazione ci si incolonna e si parte verso Firenze verso un centro commerciale. All’uscita dall’agriturismo il paese è in festa, la gente va e viene, noi ci fermiamo a fare benzina e mentre si aspetta qualcuno approfitta per un po’ di svago e due delle nostre Honda riescono a trovare persino il modo di salutarsi con un “bacio”.

Fable


 Stampa   
Copyright (c) 2017 S2K Club Italia   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2017 by DotNetNuke Corporation