Cerca English (United States)  Italiano (Italia) Deutsch (Deutschland)  Español (España) Čeština (Česká Republika)
sabato 18 novembre 2017 ..:: Raduni » 19° Raduno Toscana, Ottobre 2005 ::..   Login
 19° Raduno Toscana, 28-29-30 Ottobre 2005

Ci risiamo …….. rieccoci a zigzagare su quei “stupefacenti” budelli d’asfalto che le verdi (ebbene sì, anche in questo periodo dell’anno) e sinuose colline e terre della Toscana ci sanno offrire con sorprendente quantità e diversità. E’ ormai risaputo che gli amanti e gli appassionati della “guida” di belve inferocite a due o a quattro ruote che urlino almeno oltre gli 8000 giri/min (per le auto, leggasi HONDA S2000 e qualche altra rara perla) si ritrovano con una certa frequenza nel corso dell’anno sulle innumerevoli e favolose stradine della bellissima e mai monotona Toscana. Non a caso negli ultimi tempi si è assistito, in queste stesse incantevoli terre, al forte incremento di manifestazioni, presentazioni e prove speciali di molte auto altamente prestazionali: non è un segreto che tester e giornalisti del settore automobilistico scelgono queste sinuose strade e queste pittoresche colline per testare con severità le vetture sportive del momento. Ed allora….. mi pare che ci siano molte valide ragioni per organizzare almeno due raduni all’anno in queste terre, alla ricerca dei più contorti nastri di asfalto dove la nostra passionale S2000, ormai già ampiamente collaudata e testata (ed è per questo ….. che ce la teniamo ben stretta), sa sfoggiare ritmi, reazioni ed adrenalina ineguagliabili.

Eccoci dunque “radunati” e numerosi nell’appuntamento che conclude, proprio in Toscana, l’annata 2005 dei meeting del S2K Club, organizzato nei pressi di Cetona per i giorni di 28, 29 e 30 ottobre. La struttura che ci ha gentilmente ospitato è stata la “Arco Naturale” Country House, che, ovviamente e come ormai d’abitudine, abbiamo interamente monopolizzato visto l’assiduo e sempre più folto gruppo di partecipanti; anzi, addirittura si è reso necessario un po’ di spirito di sacrificio da parte dei partecipanti single, che si sono dovuti stringere per far rientrare tutti nella capienza delle 13-14 suite di questo incantevole e ben organizzato agritur, che ci ha offerto un ottimo servizio ed un soggiorno piacevole e confortevole, così posto sopra una collinotta immersa in rigogliosa e variegata vegetazione, dove si poteva scorgere un esteso panorama sulla sottostante campagna e fin sulle prime terre dell’Umbria. Anche questa volta è stata dimostrata e confermata la passione e l’interesse per questi appuntamenti, con una partecipazione di circa 25/30 persone (considerato anche coloro che si sono uniti “in corsa”) provenienti dalle più disparate parti d’Italia (Veneto, Lombardia, Trentino, Lazio, Campania, ecc.); new entry e nuova conoscenza di questo 19° raduno è stato “il commercialista” dott. Luigi Cuomo con consorte, proveniente, niente di meno, che da Napoli! Complimenti Luigi per la passione mostrata…. Però, aihai, aihai …….Luigi…..l’hardtop devi lasciarlo a casa!!! Non ti sei fidato delle “sorprendenti” terre toscane…eh! Così, mentre tu eri con l’aria condizionata, noi GODEVAMO degli spettacoli della natura e della “meccanica”, in quell’armoniosa unione che ci faceva stare in maniche corte e capote rigorosamente abbassata!!

Appuntamento, dunque, fissato per il canonico venerdì sera presso l’agritur…. lì ci ritroviamo tutti nel tardo pomeriggio per i rituali e calorosi saluti; preso possesso della struttura e rimessi a nuovo da una bella rinfrescata….. già subito pronti con destinazione verso la incantevole Sarteano che ci aspetta per soddisfare i ns. fini palati con la tipica cucina toscana…….. I curvoni senza fine, lunghi, lunghi, lunghi…belli ampi e rotondi, insomma da torcicollo.. che ci conducono alla salita di Sarteano, alternati a libidinosi ed improvvisi tornantini…. sono il giusto e tanto atteso “coktail” di aperitivo e di benvenuto che gli appassionati di S2000 ingurgitano d’un sorso e con tanta ingordigia…..…!! Insomma un aperitivo che mette di buon umore, ti apre lo stomaco e ti fa sorridere di libidinosa adrenalina….. pensando a quello che ciò fa prevedere per il giorno dopo…… Sarteano dunque ci accoglie benevolmente e ci abbraccia con i suoi sapori tipici…..come è in stile di questa regione, per poi salutarci alla notte regalandoci una magnifica, immensa, deserta rotonda a 2 corsie……..ovviamente come “digestivo”!! I soci, quindi, salutano e ringraziano, improvvisando alcuni dei più noti numeri da circo….. Nel rientro serale, tuttavia, l’agritur ci accoglie con una fittissima nebbia ed un fondo stradale assai viscido ed insidioso…… preoccupandoci non poco per il giro turistico del giorno dopo.

La mattina dopo non è un bel sole caldo e brillante a svegliarci, bensì un muro di nebbia che sembra isolare la collinotta dell’agriturismo da tutto il resto del mondo. Dopo un’ottima colazione, vengono distribuite le belle magliette a polo griffate dal CLUB, rigorosamente a manica corta……. sempre fiduciosi di una bella giornata a capote aperta! Ci avviamo dunque di buona mattina per il tour, scendendo verso Cetona, in direzione area di servizio per il rifornimento di partenza, preoccupati non poco della coltre nebbia che ancora ci soffoca ad un’andatura ridottissima: la strada molto scivolosa e la scarsissima visibilità ci costringono a procedere con estrema prudenza e calma, tanto che raggiungiamo una rotonda……. che “stranamente” non viene violentata da nessun socio!! Dopo il rifornimento, ci si avvia verso Le Piazze e si inizia a salire pian piano di altitudine, la visibilità si fa migliore e verso San Casciano dei Bagni la giornata sboccia in un sole splendente e tiepido…. gli sbuffi di calore tipici della ns. amata S2000 (sono utili e “studiati” anche quelli) si fanno sentire e ci incoraggiano ad abbattere la capote! Ecco, finalmente e con piacevole sorpresa – d’un tratto, oltrepassate e “sorvolate” le nubi e le nebbie – fortuitamente ci si ritrova con la giornata ideale per una sgaloppata con quei 240 purosangue che urlano e che fremono sotto quel nobile cofano d’alluminio. Ci arrampichiamo quindi sulla “strada della montagna” che collega San Casciano a Sarteano e scopriamo che stiamo effettivamente sorvolando la zona perturbata dalle nebbie: questa splendida e panoramica strada ci conduce sopra Cetona e dall’alto scorgiamo tutto il sottostante paesaggio…mozzafiato….. tutta la campagna immersa in una coltre nebbia, rimane quasi invisibile ai nostri piedi e noi invece viaggiamo riscaldati dal sole in un’atmosfera surreale e ricca di sensazioni uniche: come se fossimo in alta montagna con le vallate coperte da nubi sotto di noi……. noi però siamo solo a circa 350 mt. di altezza!! Il nastro di asfalto è tutto per noi, il silenzio della montagna è rotto solo dalle ns. urla meccaniche, grip micidiale finché si è al sole, grande viscido nelle curve in ombra……. tanta tanta sensibilità è richiesta, insomma il pane quotidiano della S2000, ma questa ci restituisce infinite gioie e piaceri di guida, divertimento reso frizzante e piacevolissimo dalla fresca e mattutina aria che accarezza i volti sorridenti di tutti i soci. Giunti a Sarteano, ormai già riscaldati ed entusiasti, sfoderiamo la manica corta e prendiamo per il Monte Cetona in direzione Celle sul Rigo: il panorama che ci troviamo di fronte è ancor più emozionante, difficile a descriversi….. ma solo da provare: in sostanza viaggiamo sulla cresta della montagna con un orizzonte senza limiti di fronte a noi, la vista giunge direttamente al castello di Radicofani passando per le vivaci e multicolori coltivazioni agricole che si estendono su tutto il territorio sottostante. Dirigiamo verso Piancastagnaio e di li, dopo breve sosta su terrazza panoramica e foto di gruppo, iniziamo la scalata del Monte Amiata. Tornanti larghi e stretti ci accompagnano fino a circa 1200/1400 mt. di altezza sull’Amiata, fino a quando una malconcia e stretta stradina di montagna ci conduce all’interno di uno SPETTACOLARE bosco, fitto fitto di alberi ormai totalmente spogli dal tronco grigio chiaro, quasi bianco, ed un tappeto di foglie rosse e gialle tutt’intorno………. SENZA PAROLE. La stradina è molto stretta, ma per fortuna deserta, e ci porta nel profondo di questo bosco, facendoci camminare su quel tappeto di foglie che al ns. passaggio si alzano leggere e colorate nell’aria ….. svolazzano sempre più alte e agitate ad ogni passaggio di S2000; il sole penetra tra gli alti busti degli alberi ad intermittenza, riscaldando comunque la gelida aria della montagna e dandoci la sensazione di vivere qualcosa di unico, quasi non reale, quasi a trovarsi dentro la scena di un film magicamente sceneggiato!! Giunti ad Arcidosso, all’uscita dal bosco, ci meritiamo una sosta mangereccia e di relax e pranziamo in un ristorantino scovato dal socio Pier Mario. Nel pomeriggio, riprendiamo il tour, completando il giro di tutti i caratteristici paesini che circondano le montagne dell’Amiata, fino a raggiungere nei pressi di Castelnuovo dell’Abate altri due soci che nel frattempo e con magica sincronia ci erano venuti incontro sullo stesso percorso (Altieri e Caroti): un appuntamento “volante” in piena regola! Riprendiamo i passi del tour della mattina, infine, per fare ritorno all’agritur, contando ben 320km di meravigliose curve e controcurve. Soddisfatti e ben rilassati, ci gustiamo la deliziosa cena organizzata all’interno dell’agriturismo che ci ospita, quindi……… esaurita ogni forza………

La domenica mattina ci svegliamo con lo stesso pallido e deludente scenario del giorno prima; tuttavia, i veri appassionati non demordono….. e quindi ci ri-tuffiamo nella campagna toscana in direzione nord, per accompagnare i soci settentrionali che avranno più strada da percorrere per fare rientro a casa. Passando per Chianciano, Montepulciano e Pienza, attraversiamo una zona altamente frequentata dal turismo e con alterne vicende, finalmente giungiamo a San Giovanni D’Asso, dove una bellissima stradina si concede tutta solo per noi per farci girare e conoscere dei suggestivi paesini e borghi medievali ricompresi nella zona che si estende fino a Sinalunga. Il sole continua ad irraggiare fortemente le ns. sensazioni, rafforzando il sentimento di aver trascorso uno week-end unico ed irripetibile, per emozioni, divertimento, piacevole compagnia, paesaggi e panorami incantevoli. Nei pressi di Sinalunga si è pranzato al Relais San Giustino, chiudendo in bellezza con i sapori locali e rilassandosi poi bordo piscina al tiepido sole del primo pomeriggio che luccicava tra gli ulivi che fanno da cornice a quel magnifico posto.

Infine, i saluti di rito scambiati con un sorriso pieno di soddisfazioni per un altro bel raduno messo in bacheca! Ovvio, che si è cercato di far avere il meglio ai soci partecipanti; è dunque con soddisfazione e piacere che i due organizzatori dell’evento (Furio e Pier Paolo) e (Pier Mario per il preciso road book) hanno potuto ricevere l’apprezzamento dei partecipanti per la complessiva e riuscita organizzazione: percorsi, ristoranti, agritur con camere ampie e ben arredate, ottima colazione, paesaggi e panorami mozzafiato, piacevole e goliardica compagnia di gruppo, insomma emozioni a non finire…..

Pier Paolo Montone


 Stampa   
Copyright (c) 2017 S2K Club Italia   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2017 by DotNetNuke Corporation